Skip to content Skip to footer

CONTROLLORE CENTRALE IMPIANTO CCI

Come adeguare l’impianto di produzione dell’energia alla normativa ARERA?

Il Controllore Centrale di Impianto CCI è un dispositivo introdotto dalla direttiva CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) 0-16 agli allegati O e T.

ARERA (Autorità di Regolamentazione per l’Energia Reti e Ambienti) con la delibera 540/2021/R/EEL ha reso obbligatorio l’adeguamento alla direttiva CEI 0-16, ossia l’installazione del dispositivo CCI.

L’obbligo vale per i proprietari di impianti di produzione di energia elettrica, sia nuovi che esistenti.

 

Controllore centrale impianto

Per ottenere informazioni complete e dirette sul CCI e su cosa fare per adeguarsi alla normativa, i tecnici di SECSUN, con la professionalità e l’esperienza di un gruppo produttivo presente sul mercato da quasi un secolo, sono disponibili per rispondere a qualunque quesito >> Clicca qui << ed invia subito la tua richiesta.

 

Le domande più frequenti

Ciò che le persone vogliono sapere è molto semplice: A cosa serve il CCI?

 

Monitoraggio adeguato

La progressiva decentralizzazione e diffusione sul territorio di impianti per la produzione di energia elettrica in Media Tensione (MT), ha allertato il Gestore di Rete.

Difatti, secondo ARERA, è divenuto necessario sviluppare un sistema che fosse in grado di effettuarne un adeguato monitoraggio.

Il CEI si è pertanto occupato di valutare tutti gli aspetti tecnici necessari a perseguire l’obiettivo prefissato,

giungendo alla definizione del dispositivo denominato Controllore Centrale di Impianto CCI.

In sintesi il Controllore Centrale di Impianto CCI è un dispositivo in grado di acquisire tutti i dati relativi agli impianti di produzione di energia elettrica.

In questo modo sono disponibili in tempo reale al Gestore di Rete, per essere utilizzati ai fini delle esigenze della gestione complessiva del mercato del dispacciamento.

 

Scopo del CCI

Il dispositivo deve essere installato al punto di consegna dell’energia elettrica e, tramite il controllo da remoto,

permettere al gestore di regolare l’impianto per ottenere il bilanciamento della rete e quindi la sua migliore efficienza, stabilità e sicurezza.

Lo scopo è quello di evitare problemi di sovraccarichi e variazioni della tensione che determinano disservizi come l’interruzione del servizio, anomalie, guasti e inoltre migliora la protezione della rete da cyber attacchi.

La legge prevede che il distributore dell’energia può richiedere il risarcimento degli eventuali danni derivanti dalla mancata installazione del Controllore Centrale di Impianto.

Un ulteriore rischio per chi non dovesse provvedere all’adeguamento dell’impianto potrebbe consistere nella perdita dell’incentivo sulla vendita dell’energia o di essere sconnesso dalla rete.

La normativa prevede l’utilizzo obbligatorio del CCI per gli impianti nuovi dal 01 Aprile 2023, mentre gli impianti esistenti dovranno adeguarsi entro il 31/05/2024.

 

Incentivi per l’adeguamento

Per raggiungere l’obiettivo previsto dalla legge sono stati stanziati anche dei contributi forfettari, variabili in base alle tempistiche di adeguamento degli impianti:

  • 10.000,00 euro entro il 31 Luglio 2023;
  • 7.500,00 euro, entro il 31 Ottobre 2023;
  • 5.000,oo euro, entro il 31 Gennaio 2024;
  • 2.500,00 euro, entro il 31 Maggio 2024.

 

Secsun ha realizzato il Quadro Elettrico Unità CCI (Controllore Centrale Impianto), un’innovazione ideale nel controllo delle fonti rinnovabili che offre una affidabile e precisa funzione di osservabilità e monitoraggio in conformità alla delibera ARERA e alla norma CEI-016.

La robusta struttura con grado di protezione IP65, per garantire la massima sicurezza delle apparecchiature installate, e tutte le dichiarazioni di conformità CEI rendono il Quadro Elettrico Unità CCI sinonimo di qualità e sicurezza.

 

Controllore Centrale Impianto CCI

>> Clicca qui e chiedi info <<

 

In conclusione

Il Controllore Centrale di Impianto è un dispositivo necessario per permettere al Gestore di Rete di monitorare e regolare l’impianto ai fini del funzionamento in efficienza e in sicurezza della rete.

Tutti gli impianti in Media Tensione, cioè con capacità produttiva da 1 MW in su, devono obbligatoriamente provvedere alla sua installazione, evitando così anche le conseguenze previste.

Secsun ha messo a punto la propria proposta di Quadro Elettrico Unità CCI in linea con l’alto livello di qualità, garanzia e assistenza che contraddistingue tutta la sua gamma di produzione. Per ogni ulteriore informazione più specifica sull’argomento >> Clicca qui << e potrai ottenere un riscontro da un nostro tecnico specializzato.

Leave a comment

0.0/5